Questa etichetta è di default

Babariol babariol babarian

Nella "Canzone del Gatto Rosso" Guglielmo Conte d'Aquitania, il "primo trovatore", racconta una strana storia. Una storia di sesso trasgressivo ma che, a ben guardare, rimanda al concetto di "segreto iniziatico". Lo stesso a cui rimanda la novella di Masetto di Lamporecchio del Decameron di Giovanni Boccaccio. Bisogna stare attenti a tacciare di insensatezza o di "bassa voglia" quello che è soprattutto un modo espressivo, il portato della tendenza medievale ad allegorizzare.

La Scure dei Franchi (anche detta Francisca)

La Scure Franca può essere considerata una sorta di “arma nazionale” del Popolo Franco; ne sono sono stati ritrovati numerosi esemplari, relativi soprattutto a sepolture risalenti al periodo dal V al VII secolo; ciò che è stato ritrovato, però, non sempre sembra coincidere con quanto ci si potrebbe attendere in base alle testimonianze risalenti all’epoca altomedievale, e questo pare creare qualche difficoltà nel rapporto fra archeologia e fonti scritte. Interessante è stata poi, nel corso del tempo, la sperimentazione che, a più riprese, è stata realizzata in merito alla tecnica di utilizzo di questa arma. Anche l’Accademia Jaufre Rudel ha condotto una serie di prove sperimentali di cui si dà conto in questo articolo.

Etichette

Mangiar di magro

In tutte le religioni il digiuno è stato identificato come atto penitenziale necessario per poter dialogare con il proprio Dio. Ma il Cristianesimo, che non prevede specifiche prescrizioni alimentari, ha aggiunto al digiuno l'astinenza dai cibi "grassi" come penitenza e sacrificio individuale da offrire a Dio. Tra questi periodi penitenziali, la Quaresima è il più lungo e la fantasia dei cuochi ha cercato di aggirare l'ostacolo preparando manicaretti tutt'altro che penitenziali mantenendo salva la forma ma non la sostanza.

Etichette

Per una storia dell’etica economica mercantile: la scelta di vita pauperista

I movimenti pauperistici del XII-XIII secolo costituiscono, in una precisa area geografica occidentale europea, uno dei fenomeni salienti della storia sociale e religiosa dell'epoca. Il loro grande successo nella società, fra i non chierici, ha da tempo imposto alla riflessione storica la necessità di studiarne le origini e le ragioni.

L'occhio trasparente. Per un Dante del XXI secolo

Il settecentenario del viaggio di Dante offre l'occasione per cercare di capire quali valenze possano avere la sua visione del mondo e la sua poetica nella società attuale: interessante documento del passato o parole portatrici di una "verità" aperta che si rinnova e si adegua in ogni tempo e che è "verità" perché aderisce continuamente alla condizione umana che ripropone i suoi pregi ed i suoi difetti e che Dante, con le modalità espressive del suo tempo e del suo luogo, ha reso manifesti?